Aggressione di agenti in servizio di piantonamento di un detenuto positivo presso l'Ospedale di Sessa Aurunca. Capece (SAPPE): "Vicinanza e solidarietà ai colleghi"

2' di lettura 25/01/2022 - Nuova aggressione nei confronti del personale di polizia penitenziaria; stavolta i malcapitati sono alcuni Agenti della Casa Circondariale di Carinola in servizio di piantonamento di un detenuto positivo al Covid-19 presso l'Ospedale di Sessa Aurunca e del Nucleo Tradaduzioni e Piantonamento del carcere di S.Maria Capua Vetere.

"Colpa e conseguenza della protesta sconsiderata e incomprensibile di un detenuto del carcere di Carinola che era stato portato in ospedale perché positivo al Covid-19", spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Categoria. "L'uomo ha posto in essere una serie di atteggiamenti aggressivi contro la scorta della Polizia Penitenziaria e contro i sanitari. Sono stati momenti di grande tensione e pericolo, gestiti però con grande coraggio e professionalità dai poliziotti penitenziari, supportati dai colleghi del Nucleo Traduzioni e Piantonamenti del carcere sammaritano, che sono stati anche minacciati insultati e colpiti dal detenuto. L'evento è stato particolarmente critico perché posto in essere in una corsia di ospedale alla presenza di altri ricoverati e familiari ma è stato gestito al meglio dalla Polizia Penitenziaria, che paga pesantemente in termini di stress e operatività questi gravi e continui episodi critici".

Capece esprime solidarietà ai poliziotti contusi e denuncia: "Registriamo l'ennesimo episodio di violenza nei confronti di personale appartenente al Corpo in servizio in Campania. I detenuti evidentemente sono convinti non di essere in carcere a scontare una pena ma in un albergo, dove possono fare ciò che preferiscono... Ed è grave che la recrudescenza degli eventi critici in carcere si è concretizzata proprio quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario 'aperto', ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria. Ai colleghi contusi va la nostra vicinanza e solidarietà nonché un ringraziamento particolare per l'intervento che, incuranti di qualsiasi pericolo e nonostante le conseguenze riportate, ha permesso di bloccare il detenuto violento. La situazione nelle nostre carceri resta allarmante e la realtà è che i nostri poliziotti continuano ad essere aggrediti senza alcun motivo o ragione. Ma è evidente a tutti che è necessario intervenire con urgenza per fronteggiare le costanti criticità penitenziarie".


da Sappe
Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2022 alle 10:46 sul giornale del 26 gennaio 2022 - 106 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carceri, sappe, Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHjv





logoEV