Carinola: muore poliziotto penitenziario per covid-19 in servizio nel carcere. Nono decesso in Italia nelle file dei Baschi Azzurri

2' di lettura 28/02/2021 - Un Ispettore Capo del Corpo di Polizia Penitenziaria, in servizio nel carcere di Carinola, è deceduto per Covid-19, contratto in servizio. Lo comunica Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

"Contiamo la seconda vittima, in un breve lasso di tempo, per Covid - 19 tra il personale della Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Reclusione di Carinola. Nella giornata di ieri è deceduto presso l'ospedale di Maddaloni, unità intensiva Covid, l'Ispettore Capo di Polizia Penitenziaria Giuseppe MATANO, cinquantenne, segretario del SAPPE. Egli è stato per lunghi anni musicista nella Banda Nazionale del Corpo di Portici, lo ricordiamo sempre con il suo inseparabile Clarinetto. Ultimamente era stato trasferito presso la C. R. di Carinola ove sin da subito era stato apprezzato ed amato dai colleghi sia dal punto professionale sia dal lato umano, diventando in breve tempo un solido punto di riferimento per tutti. Lascia affranti dal dolore la moglie e i due figli, che non possono neanche tributargli il loro ultimo saluto in quanto anch'essi positivi. La salma di Giuseppe passerà davanti all'istituto di Carinola, oggi, prima di giungere a Carano ove si svolgerà la cerimonia funebre. Ancora un nostro "EROE SILENZIOSO", vittima del dovere, scompare lasciandoci sgomenti ed attoniti. R. I. P. e lo accolgano gli Angeli.....".

"Questo nuovo morto tra le nostre fila – il nono dall'inizio della pandemia - fa comprendere quale grande tributo stanno pagando anche la Polizia Penitenziaria e l'Amministrazione della Giustizia alla terribile pandemia", commenta il Segretario Generale del SAPPE Donato Capece. Il leader del primo Sindacato del Corpo sollecita il Ministero della Giustizia "a velocizzare le vaccinazioni per il personale di Polizia Penitenziaria ed i detenuti, che sono fondamentali per la sicurezza sociale ma che in alcune Regioni ancora non sono stati fatti. Sollecitiamo l'Amministrazione penitenziaria ad acquistare e dotare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria di adeguati dispositivi di protezione nonché a sottoporli a più controlli preventivi, impegnando i direttori ad assumere ogni provvedimento utile a fronteggiare i contagi... Altra soluzione per contrastare i contagi potrebbe essere quella di riconvertire gli Istituti penitenziari chiusi per un basso numero di detenuti presenti (ad esempio, Savona) a strutture per la gestione dei detenuti positivi al Covid. Certo preoccupa un secondo morto per Covid-19 nel carcere di Carinola: è stato davvero fatto di tutto per isolare i contagi in quell'Istituto? Sento parlare di deflazionare le carceri: sarebbe un grave e colpevole errore strumentalizzare la pandemia per creare l'ennesimo svuota.carceri senza introdurre vere riforme strutturali per l'esecuzione della pena".


da Sappe
Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2021 alle 19:23 sul giornale del 01 marzo 2021 - 100 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carceri, sappe, Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQkh





logoEV