Capodanno, feriti per botti e petardi: 22enne perde due dita

1' di lettura 01/01/2023 - (Adnkronos) - Nuovo anno, nuovo tragico bilancio per i feriti da botti e petardi sparati nella notte di Capodanno.

Sono stati in tutto 646 gli interventi dei vigili del fuoco per incendi riconducibili ai festeggiamenti, in leggero aumento rispetto allo scorso anno, quando furono 558. Molti interventi hanno riguardato incendi di cassonetti, alcune autovetture parcheggiate in strada. Il numero maggiore in Emilia Romagna, dove sono stati 96. Gli altri interventi sono stati in Piemonte 50, Lombardia 47, Veneto e Trentino Alto Adige 71, Friuli Venezia Giulia 16, Liguria 45, Toscana 45, Marche 13, Umbria 5, Lazio 52, Abruzzo 6, Molise 7, Campania 57, Basilicata 0, Calabria 4, Puglia 75, Sicilia 31, Sardegna 26

I FERITI

Un 22enne di San Tammaro, nel Casertano, è rimasto ferito per i botti. Il ragazzo, a quanto appreso dai carabinieri impegnati nei controlli negli ospedali, è stato portato in un primo momento all’ospedale di Caserta, dove gli sono state amputate due dita, e poi è stato trasferito al ‘Pellegrini’ di Napoli per una lesione all’occhio destro. Il giovane non è in pericolo di vita. Sedici quindi i feriti per i botti di Capodanno tra Napoli e provincia, tra cui 5 minori. A fornire il bilancio è la Questura, che spiega come nella maggior parte dei casi le persone sono state colpite e mani e occhi. Nel capoluogo sono 13 le persone colpite da petardi, tra cui 3 minori, mentre altre 3 persone, tra cui due minori, sono rimasti feriti a Frattamaggiore e Pozzuoli.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 01-01-2023 alle 18:15 sul giornale del 02 gennaio 2023 - 14 letture

In questo articolo si parla di attualità, adnkronos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dK62





logoEV
qrcode